MicheLiber | Via col vento, di Margaret Mitchell

Un tomo, le cui dimensioni possono inizialmente impressionare, che riesce a rapire la mente del lettore per poterla portare a volteggiare in alto nel cielo fra le nuvole e i refoli d’aria. E questo viaggio nell’immenso blu ha una sola meta: una ricca piantagione della Georgia che si tufferà nelle acque oscure della Guerra di Secessione, un periodo che segnò a fondo gli animi degli uomini. Ma vi era una donna, la bellissima Rossella O’Hara, la perfetta incarnazione della tenacia e della forza interiore. Ella arranca fra le difficoltà che la vita le para dinnanzi, dimostrando il significato e l’importanza di credere nella propria determinazione. Rossella non esita a prendere nelle proprie mani, un tempo esageratamente curate, le redini della sua vita, caricandosi in spalla quelle di molti altri. Lei diviene un personaggio estremamente affascinante grazie alla magia con cui Margaret Mitchell descrive la sua persona, la psiche che risiede nella mente di una simile donna che, a testa alta, rompe lo spesso vetro che contiene gli schemi della società con una fiducia in sé e un’abilità nell’estraniare i giudizi altrui dalla sua mente veramente invidiabili. Ma questo suo forte carattere viene spesso contrapposto alla sua umanità e, di conseguenza, alla sua debolezza e fragilità d’animo. E questi aspetti divergenti della sua persona prendono le fattezze di due salde corde che si intrecciano fra loro, avvinghiandosi e contorcendosi, in una morsa indissolubile. Ma, per quanto lei possa agguantarle e provare a disgiungerle, le due corde giocano un ruolo fondamentale nella complicazione della sua vita, nella quale Rossella si trova costretta ad affrontare drammi che il lettore non può fare a meno di vivere a sua volta; come non può, ahimè, evitare di soffrire assieme a lei perché Rossella, in fin dei conti, diverrà un’amica con cui trascorrere giornate intere. 

Articolo creato 5

Rispondi

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto