MicheLiber | L’insostenibile leggerezza dell’essere, di Milan Kundera

Grande classico di Milan Kundera, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” è un romanzo profondo e intrigante che può essere considerato anche un saggio filosofico. 

Siamo nella Praga degli anni ‘60, durante l’occupazione dei sovietici. La storia si focalizza su quattro personaggi molto diversi tra loro: Tomáš, Tereza, Sabina e Franz. Intorno a questi personaggi si genera un quadrato di affinità amorose, le quali a loro volta generano conflitti interiori e non solo. 

Alla narrazione della trama si agganciano le idee dell’autore in relazione a vari temi profondi ed esistenziali, che Kundera fa trasparire tramite riflessioni e vicissitudini dei personaggi del libro. 

Ho letto questo romanzo e l’ho trovato intrigante da diversi punti di vista: dall’intreccio delle complicate storie d’amore tra i personaggi alle riflessioni che l’autore fa e che lascia ai suoi lettori. 

Leggendo ci si accorge di quanto gli argomenti trattati ti donino veri e propri spunti di riflessione, tanto da poter considerare il libro uno strumento catartico. 

“Il suo romanzo ci dimostra come nella vita tutto quello che scegliamo e apprezziamo come leggero non tarda a rivelare il proprio peso insostenibile. Forse solo la vivacità e la mobilità dell’intelligenza sfuggono a questa condanna: le qualità con cui è scritto il romanzo, che appartengono a un altro universo da quello del vivere.” Italo Calvino

Articolo creato 1

Rispondi

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto