Ni una menos- non una di meno!

Il 25 novembre è riconosciuto a livello internazionale come la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.                                                                                                                                                                     Nel 1999 l’Assemblea delle Nazioni Unite scelse questo giorno per onorare le sorelle Mirabal- Patria, Minerva e Maria Teresa.

Le tre donne erano attiviste domenicane che, opponendosi al dittatore Rafael Trujillo, formarono un gruppo chiamato Movimento del 14 giugno, giorno in cui Patria assistette a un massacro.                             Il 25 novembre 1960 Las Mariposas, nome con cui erano conosciute le ragazze mentre andavano a trovare i mariti in carcere, furono fermate dagli agenti della polizia segreta di stato e poi uccise.                         La sorella più piccola, Dedé, si impegnò a mantenere vivo il ricordo delle tre sorelle e così anche noi oggi portiamo avanti la sua missione onorando il contributo e i sacrifici di queste tre donne. Inoltre, la giornata di oggi segna anche l’inizio dei “16 giorni di attivismo contro la violenza di genere”.

La libertà delle donne è continuamente sotto attacco e qualsiasi scelta viene costantemente giudicata. Sempre più frequenti sono le violenze di genere, come la negazione di un contraccettivo o di un’operazione di aborto.

Solo nel 2016, in Italia, vi sono state 117 donne vittime di violenze. Secondo uno studio ISTAT, ogni tre giorni una donna muore dopo essere stata violentata. I dati rivelano anche che la Lombardia è al primo posto per decessi causati da molestie sessuali con diciassette vittime dall’inizio dell’anno, seguita da Emilia Romagna con quattordici e Veneto con dodici. Inoltre, bisogna tenere conto anche delle donne vittime di stalking che ammontano a circa 16,1% della popolazione femminile.

Per celebrare la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne il 26 novembre si svolgerà a Roma la manifestazione Non una di meno.                                                                                                                       Occorre quindi mantenere vivo il ricordo di tutte quelle donne vittime di violenza affinchè non vengano mai dimenticate e essere ancora più unite contro la violenza che ogni giorno tenta di reprimerci.

Spesso sentiamo dire “non è uno sport per una ragazza” o “ma è vestita così, cosa pretendeva?” o ancora “se l’è cercata” senza renderci conto che questa è violenza di genere. E questa violenza, come tutte le altre, deve finire.

Giulia Sassoli

 

Articolo creato 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.